La semplicità di questa pietanza è davvero disarmante. Il “parmigiano dei poveri“, così, chiamavano ‘a muddica atturrata. In mancanza del formaggio infatti, condimento non per tutti a quei tempi, la mollica del pane tostata era destinata a camuffare la sua mancanza. Ora, con tutto il rispetto per il parmigiano grattugiato, ma la mollica di pane abbrustolita nell’olio e, eventualmente aromatizzata, sa comunque il fatto suo.

Molti primi piatti della tradizione gastronomica siciliana la vedono protagonista a completamento finale. Dalla pasta con le sarde, passando per la pasta ‘ncasciata coi vruoccoli e arrivando infine sino alla nostra classica ammollicata con acciughe , senza di lei mancherebbe davvero qualcosa. Cioè è perfetta per questo tipo di pietanze, calza con loro davvero a pennello.

Un primo piatto veloce da preparare nel mio caso, con l’aggiunta di un datterino biologico a km 0 che pare davvero di zucchero. Insomma riscoprire il piacere di cucinare con semplicità e gusto, e soprattutto con quello di cui si dispone cercando sempre di esaltare profumi e sapori rendendo loro la giusta fine che meritano.

Vi racconto la ricetta:

Affettate finemente d uepiccole coste di sedano e il suo cuore e una cipolla bianca. Fate soffriggere dolcemente in padella con 4/5 cucchiai di olio extravergine d’oliva, fatevi disciogliere quindi 4 filetti di acciughe. Allungate, se necessario, con poca acqua.

Unite quindi circa 250/300 g di pomodori datterini semplicemente tagliati a metà. Fate insaporire in padella per 1/2 minuti al massimo (non mi interessava un pomodoro sfatto ma un frutto che mantenesse la sua consistenza al dente). Controllate la sapidità e correggete se necessario.

Ricavate da del pane duro la mollica e sbriciolatela finemente. 100 g saranno abbastanza.

Fatela dorare in padella con dell’olio extravergine d’oliva e sale. Dovrà risultare ben colorito e abbrustolito.

Fate cuocere la pasta in abbondante acqua in ebollizione salata, scolate al dente, terminate la cottura in padella insieme alla mollica tostata. Fate saltare e amalgamare bene il tutto, aggiungendo dell’acqua di cottura se vi può sembrare utile, spegnete la fiamma e servite.

Rispondi

CLAUDIA AMBU COPYRIGHT © 2010. ALL IMAGES ARE PROTECTED UNDER COPYRIGHT LAW. CREDIT THIS WEBSITE WHEN USING ANY IMAGES ON PINTEREST AND EMAIL REQUESTS FOR ANY OTHER USAGES, INCLUDING BLOGS.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: