Annunci

Non so fare le frittate. Potrebbe essere tranquillamente il titolo di un libro, magari il mio. Per quanto mi ci sia applicata, mooolto sporadicamente c’è da dire, non sono mai riuscita ad instaurare con loro il feeling giusto, quello sufficiente insomma a far riuscire qualcosa che esteticamente non ricordi un quadro di Picasso. Buone eh, ma inguardabili.

Come si dice, conosci i tuoi limiti. Io e le frittate non s’ha da instaurare un che di nulla. Ma, a modo mio, ho deciso di aggirare il problema, anche perché le frittate mi piacciono molto e non potevano essere considerate assolutamente un capitolo chiuso. Quelle fatte in padella ecco si, quelle sì, non le so fare e amen.

Le metto al forno e devo ammettere che il risultato non è male, ma SOPRATTUTTO è stress free. Insomma, ci metti quello che ti pare e versi tutto in una pirofila da forno e il gioco è fatto.

Viene alta, con la sua tipica consistenza, e ultimo ma non meno importante, con una FORMA. Eh, che se la devi servire a qualcuno non è bello impiattare un pudding di avena non meglio identificato ( e così per essere educati e non scrivere schifezze).

E’ da un po’ che faccio le frittate al forno senza mai segnarmi una ricetta qui, sul mio bistrot.

Così, inizio con la più classica delle frittate, quella con le patate e, mia aggiunta speciale in estate, tonnellate di basilico e un cucchiaino di pesto.

Io eseguo sulle patate, precedentemente sbucciate e tagliate a cubetti, una precottura in padella con del cipollotto fresco. Mi raccomando non stra cuocetele però, perché tanto poi terminano la cottura in forno !

In base alla quantità di patate/cipolle/piselli/fave/spinaci etc.. cercate di capire quante uova utilizzare, il tutto dovrà essere ben bilanciato, non troppo asciutto ma neanche troppo liquido, andate a occhio e non sbaglierete!

A questo punto unite il sale e il pepe , il formaggio grattugiato che potrà essere pecorino o grana, quindi personalizzate con erbette o spezie, insomma quel che più vi piace.

Versate direttamente in una pirofila da forno, rivestita con della carta da forno e infornate a temperatura media circa 150°C per i primi 20 minuti, quindi proseguite per qualche altro minuto aumentando la temperatura a 175°C in modo che la frittata si colori un po’.

Annunci

Rispondi

CLAUDIA AMBU COPYRIGHT © 2010. ALL IMAGES ARE PROTECTED UNDER COPYRIGHT LAW. CREDIT THIS WEBSITE WHEN USING ANY IMAGES ON PINTEREST AND EMAIL REQUESTS FOR ANY OTHER USAGES, INCLUDING BLOGS.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: