Annunci

L’unica cosa di cui mi sono pentita nel farle è stata che le ho fatte troppo piccole. Io e la mia solita mania di voler fare le cose “piccine perché “meno” è meglio” o qualcosa del genere..sta cosa che mi ronza in testa da molti anni ormai, mi dico la verità da sola, non va bene per tutto. Men che meno per le tartarughine.

Tra i pani di piccola pezzatura sono certamente tra i miei preferiti, una crosticina da fare invidia e un cuore così morbido..

Ho provato a farli anche io, a volerla dire tutta cercavo una ricetta con il licoli su cui sperimentare e trovare la mia versione, ma niente, di piccole rosette con il licoli nemmeno l’ombra. Ma che non si può fare?! Perché non essendo una cima in panificati sicuro mi sfugge qualcosa. Tutti dico tutti suggerimenti su come farle con il lievito compresso, che vabbè, è già un inizio, ma ora che ci stavo prendendo gusto..

E niente alla fine, avevo così tanta voglia di provarle, che ho cercato almeno per me, la via migliore per riuscire ad avere un risultato quantomeno accettabile al momento,(magari anche il giorno dopo?) perché la cosiddetta life shelf del pane con il lievito compresso è piuttosto limitata, insomma, questo lo so.

Così come una bambina in preda a problemi comportamentali, indecisa sino all’ultimo sul da farsi, mi sono buttata questa volta sulla via più semplice, magari la prossima volta..

Allora però, non denigriamo completamente questo risultato, realizzato con soli 4 g di lievito compresso, certo poteva venire meglio, ma ha un profumo ottimo e davvero un buon sapore.

La ricetta presa da Viva la Focaccia è semplice da seguire anche perché grazie al video non si rischia di sbagliare.

Io vi riporto qui le dosi come le potete esattamente trovare anche sul sito, ma non mi dilungherò nella spiegazione che in questo caso non avrebbe davvero senso, vederlo, piuttosto che leggerlo, vi renderà le cose molto più semplici.

Le grammature sono essenziali per chi vuole testare per la prima volta questo tipo di impasto, insomma ci andate cauti, ottenendo circa 8 rosette o tartarughine da 80 g.

Per la biga:

  • 460 g di farina di media forza 260/280 W
  • 175 g di acqua a temperatura ambiente
  • 4 g di lievito di birra fresco

Sciogliete il lievito nell’acqua, quindi aggiungete la farina nella ciotola della planetaria e mescolate per 3-4 minuti. Quello che risulterà sarà un composto duro e poco raffinato.

Per l’impasto:

  • 40 g di farina di media forza 260/280W
  • 55 g di acqua
  • 4 g di malto (o zucchero)
  • 8 g di sale

Vi suggerisco di seguire il video per la dimostrazione passo passo. Vi sarà molto utile.

Annunci

Rispondi

CLAUDIA AMBU COPYRIGHT © 2010. ALL IMAGES ARE PROTECTED UNDER COPYRIGHT LAW. CREDIT THIS WEBSITE WHEN USING ANY IMAGES ON PINTEREST AND EMAIL REQUESTS FOR ANY OTHER USAGES, INCLUDING BLOGS.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: