E’ inutile. Il sogno di chi a casa ama dedicarsi all’arte bianca, è quello di realizzare un bel pane leggero, molto alveolato, con una bella crosta che scricchiola di felicità.

Colette in “Ratatouille” lo diceva; “come si riconosce il pane buono senza mangiarlo? Non dall’aspetto, non dal profumo, ma dal suono della crosta ! Ahhh! una sinfonia di scrocchi! “

Certo per voi è impresa ardua, a meno che io non realizzi un video, sentire il rumore della crosta di questo meraviglioso pane, ma posso assicurarvi che scrocchia, eccome !

Come sapete non possiedo lievito naturale, non mi ci sono mai applicata e chissà forse un giorno..non riesco a curare anche lui ahimè! Questo pane ha 16 ore di lievitazione, 3 g di lievito compresso, ed è idratato circa per l’80%.

Il risultato è assolutamente apprezzabile sia alla vista che al gusto. Non vi resta che provare!

Ingredienti per una forma:

  • 500 g di farina 260W
  • 400 ml d’acqua
  • 20 ml d’olio extravergine d’oliva
  • 10 g di sale
  • 3 (7 g se prevedete tempi di lievitazione più brevi 8h ) g di lievito compresso

La sera, in una ciotola bassa circolare, fate sciogliere nell’acqua tiepida a 25° il lievito. Aggiungete l’olio e mescolate bene. Incorporate la farina e il sale e mescolate con le mani o con una spatola dura.

Coprite, e lasciate riposare 50 minuti. A questo punto fate le pieghe come spiegato in questo post.

Ripetete l’operazione per tre volte, facendo riposare l’impasto per 30 minuti fra una piega e l’altra.

A questo punto, coprite bene e lasciate riposare tutta la notte. Il giorno seguente eseguite nuovamente le pieghe, almeno altre tre a intervalli di 40 minuti ciascuna e, dopo l’ultima piega lasciate riposare altre 3 ore sino al momento della cottura.

La tecnica per la cottura che ho scelto stavolta è stata nella pentola in ghisa.

Quest’ultima, va fatta scaldare in forno al massimo del calore, quindi quando il forno raggiungerà la temperatura prelevate attentamente la pentola dal forno, posizionate il pane all’interno, e fate cuocere dapprima per 20 minuti al massimo della temperatura prevista dal vostro forno, quindi abbassate la temperatura a 220° e fate cuocere altri 10 minuti.

Abbassate nuovamente la temperatura del forno a 200°C e proseguite la cottura per altri 20 minuti.

Potete protrarre la cottura per altri 10 minuti a 180° .

Fate raffreddare appoggiato in verticale a ridosso del muro della cucina.

Rispondi

CLAUDIA AMBU COPYRIGHT © 2010. ALL IMAGES ARE PROTECTED UNDER COPYRIGHT LAW. CREDIT THIS WEBSITE WHEN USING ANY IMAGES ON PINTEREST AND EMAIL REQUESTS FOR ANY OTHER USAGES, INCLUDING BLOGS.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: