Molti di voi avranno nel cuore il profumo della casa della nonna. Io credo di essere super fortunata perché oltre a quello, ho un ricordo molto caro anche dei profumi della casa della mia bisnonna. Profumo di origano e di “pane coi semini” come lo chiamavo io da piccina. Il ricordo più bello che ho della mia bisnonna Sara, è della sua meravigliosa camera da letto con specchiera, di quelle antiche, dalla bellezza straordinaria. Ma ancor più straordinaria era lei con quei suoi lunghissimi capelli d’argento, che sedeva lì, sullo sgabellino foderato in velluto verde con piccole nappine dorate, e li pettinava attentamente per poi chiuderli in una crocchia tempestata di forcine, quelle larghe, che ancora oggi non riesco a capacitarmi di come facesse ad usarle. Aveva una credenza in cucina meravigliosa. Dalla vetrina sulla parte superiore si scorgevano servizi di tazzine da te e caffè rilegati con preziosi fili d’oro e ricami fatti a mano.

Giù, in fondo alle scale ripide, che lei ancora all’età di 90 anni saliva velocemente senza affanno, si apriva sempre, oltre le persiane e gonfiata dal vento, una tenda in pizzo bianco, tipico dei piccoli paesini siciliani, che al solo pensiero mi ricordo di quante volte dopo varcata quella soglia era come se si aprisse a me un mondo magico..

I profumi erano i primi a fare gli onori di casa. E il profumo dell’origano fresco a casa di nonna Sara non me lo posso dimenticare. Lo metteva praticamente dappertutto e a me non dispiaceva affatto. Il profumo dei biscotti con i semini di sesamo che teneva nella credenza erano poi l ciliegina sulla torta.

I biscotti ca’ a giurgiulena , li chiamava, le reginelle le chiamano a Palermo.

Nonna Sara, che meraviglia. Questa è la ricetta di suo marito, mio bisnonno, pasticcere, che è l’unica che mi è rimasta copiata qualche anno fa da un blocco note di ricette scritte al volo e che apparteneva a lui.

Per circa 30-35 biscotti

  • 500 g di farina debole
  • 150 g strutto di buona qualità
  • 1 uovo grande
  • 50 ml di latte
  • 165 g  di zucchero semolato
  • 1 pizzico di sale
  • 180-200 g sesamo
  • 4 g di ammoniaca per dolci
  • 100 ml di latte (per bagnare i biscotti in modo da far attaccare i semini)

L’unico accorgimento da rispettare riguarda i semini di sesamo che andranno messi in ammollo in acqua per circa un’ora. Questo non solo eliminerà eventuali impurità dei semini ma contribuirà anche a renderlo idratato e esteticamente migliore.

Per il resto tutti gli ingredienti vanno impastati come una comune frolla.

Il composto va poi avvolto nella pellicola a mo’ di salsiccia e messo in frigorifero a riposare per circa un’ora.

Trascorso questo tempo prendete due ciotole. In una versate il latte e nell’altra i semi di sesamo.

Dapprima inzuppate velocemente nel latte il tocchetto che avrete tagliato e quindi ripassatelo nei semi di sesamo. Procedete in questo modo sino a esaurire tutta la pasta.

Infornate in forno caldo a 200°C per circa 2 minuti. Dovranno risultare ben gonfi e ben colorati.

Sfornate e lasciate raffreddare su una gratella. Quindi conservate in contenitori di latta con tappo. Dureranno sino a due settimane.

Rispondi

CLAUDIA AMBU COPYRIGHT © 2010. ALL IMAGES ARE PROTECTED UNDER COPYRIGHT LAW. CREDIT THIS WEBSITE WHEN USING ANY IMAGES ON PINTEREST AND EMAIL REQUESTS FOR ANY OTHER USAGES, INCLUDING BLOGS.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: