Ho sempre apprezzato molto i contrasti. Il dolce e il salato che convivono nel boccone rappresentano per il mio palato, qualcosa di estasiante. Origini siciliane, anche, direbbe mia nonna. E il sangue, si sa, non mente mai, specie se si tratta di gusto in tavola.

E quindi via a gogo, insalate di arance dolci e succose pizzicate da cristalli di sale croccante, uvetta nelle preparazioni di carne o con le sarde.

Questa preparazione di derivazione palesemente transalpina, in un bel libro di cucina francese rientrerebbe nella categoria “charcuteries” una di quelle preparazioni che si collocano al top della tradizione gastronomica francese, quelle prelibatezze che trovate dallo “chaquettier” come diceva Totò, ‘o casadduoglio’ , il bottegaio.

Insomma una pietanza che sa di casa, di pane caldo croccante.

Quando mi capita di assaporare questo tipo di pietanze, o di preparale, come in questo caso, non riesco a fare a meno di trovare loro accompagnamento con la frutta.

Magari fresca, croccante, zuccherina. E qui ritorno alla mia passione per il boccone perfetto, dolce e salato.

In questa sorta di croque monsieur gourmande, consistenze, profumi e ricordi si intrecciano regalandovi un abbraccio caldo e confortevole.

Per la preparazione della Terrine de campagne

Per 8 persone

  • 250 g di fegato di maiale
  • 250 g di pancetta di maiale
  • 250 g di spalla di maiale disossata
  • 200 g di guanciale
  • 3 scalogni
  • uno spicchio d’aglio
  • qualche rametto di prezzemolo fresco
  • 30 g di fecola di patate
  • 150 ml di latte
  • 2 uova di galline felici
  • sale q.b
  • pepe q.b

Preriscaldate il forno a 180°C. con un food processor frullate grossolanamente le carni.

Pelate gli scalogni e l’aglio e preparate un trito con il prezzemolo.

Mescolate il tutto in un’insalatiera.

Fate sciogliere la fecola nel latte freddo quindi unite questo composto alla preparazione che avete fatto in precedenza e unite anche le uova sbattute appena. Salate e pepate e mescolate il tutto insieme alla carne.

Foderate una terrina con il guanciale, versate quindi la farcia che avete preparato e richiudete con il suo stesso coperchio.

Fate cuocere in forno a bagnomaria per circa 45 minuti.

Sfornate e lasciate raffreddare prima di mettere a riposare in frigorifero per 24 ore.

La terrina di campagna si congela facilmente. Se la tagliate in tranci, potete avvolgere i singoli pezzi in fogli d’alluminio.

Si conserverà sino a 2 mesi.

Rispondi

CLAUDIA AMBU COPYRIGHT © 2010. ALL IMAGES ARE PROTECTED UNDER COPYRIGHT LAW. CREDIT THIS WEBSITE WHEN USING ANY IMAGES ON PINTEREST AND EMAIL REQUESTS FOR ANY OTHER USAGES, INCLUDING BLOGS.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: