136

 

Ho sempre apprezzato molto gli arrosti di carne. Le domeniche d’inverno sono sempre stati un must a casa mia per l’ora di pranzo. Lo faceva mia mamma ovviamente, nell’aria si spandeva quel delizioso profumino che se fosse stato possibile l’avresti mangiato lì, subito, dalla pentola.

Ora che non vivo più in quella casa, devo dire che tra i tanti ricordi, che me la fanno appartenere per sempre ai ricordi più cari, c’è anche questo. Si cucinava per amore, alla fine.

E io lo continuo a fare anche a casa mia, per le persone che amo, compresa la mamma ovviamente 🙂

Arrosto di vitello farcito alle erbe e pancetta

Ingredienti per 4 persone

  • 1000 kg di noce di vitello (anche col maiale si presta)
  • 2 etti e mezzo di pancetta tesa
  • un bouquet garni con salvia, rosmarino e prezzemolo
  • 2 piccole cipolle dorate
  • 2 piccoli spicchi d’aglio in camicia
  • un bicchiere di chardonnay
  • burro q.b
  • sale
  • pepe

Incominciate col praticare nella carne dei tagli profondi per il senso della lunghezza ma senza arrivare a tagliare completamente, le fette dovranno rimanere attaccate alla base.

Tritate finemente al coltello le erbe e farcite i tagli con questo composto disponendo anche due fette di pancetta.

Su di un foglio di carta da forno disponete le fette di pancetta rimaste accostate le une alle altre facendole combaciare dal lato più corto.

Disponete sopra la carne quindi richiudete le fette di pancetta sulla carne.

Ricomponete bene e legate con lo spago da cucina.

Affettate finemente le cipolle e fatele imbiondire nel burro in una pirofila in ghisa insieme ai due spicchi d’aglio in camicia.

Adagiate la carne nella pirofila e lasciate alta la fiamma, fate sigillare e rosolare bene il tutto, pepate, rigirate la carne e fate fare lo stesso per l’altro lato.

Fate sfumare col vino bianco, lasciate evaporare.

Abbassate la fiamma e lasciate cuocere con coperchio (lasciate un piccolo sfiato) per due ore, 2 ore e mezza , bagnando con dell’acqua qualora si dovesse asciugare troppo.

Nota: essendo una preparazione già saporita di suo, vista la presenza della pancetta, andate cauti col sale. Nell’eventualità in cui andrete ad aggiungere molta acqua, il che è probabile considerati i lunghi tempi di cottura, potrete correggere col sale poco alla volta e sempre assaggiando .

Rispondi

CLAUDIA AMBU COPYRIGHT © 2010. ALL IMAGES ARE PROTECTED UNDER COPYRIGHT LAW. CREDIT THIS WEBSITE WHEN USING ANY IMAGES ON PINTEREST AND EMAIL REQUESTS FOR ANY OTHER USAGES, INCLUDING BLOGS.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: